Il Machinima, le sue origini, e i film in Second Life

Per comprendere a fondo cosa sia l'Arte del Machinima, la prima domanda a cui rispondere è molto semplice: cos'è ESATTAMENTE il Machinima??

Per MACHINIMA, si intende un genere di film realizzato con particolari tecniche di ripresa attraverso una piattaforma virtuale in grafica 3D, in cui i movimenti di camera sono generati dal software e registrati dal processore del computer: il termine deriva pertanto dai due idiomi: “MACHINE-CINEMA” e “MACHINE-ANIMATION”. (per saperne di più, consultate anche questo post)

Il genere è nato una dozzina di anni fa. Quando all'interno della comunità dei videogiocatori, s'incominciò a studiare come gli spazi digitali potessero funzionare come un set, all'interno dei quali girare e poi registrare delle storie. Anche il cinema per certi versi è nato in questo modo. All'inizio, c'erano soltanto ricerche e sperimentazioni. Le storie, gli attori, i registi, il mezzo espressivo vero e proprio è arrivato solo successivamente.

Con l'avvento dei MONDI VIRTUALI online, e soprattutto di SECOND LIFE (piattaforma che piu' di tutte si presta per la realizzazione di video efficaci e completi con questo metodo) la tecnica del Machinima si è oltremodo evoluta, diventanto un "nuovo media" a tutti gli effetti, un nuovo strumento espressivo, molto in voga negli USA già dal 2005.

E in italia? L'uso del Machnima (ma prima di tutto la sua COMPRENSIONE) nel nostro Paese è andato di pari passo con la diffusione dei giochi 3D e delle piattaforme come Second Life (ma direi principalmente, o quasi esclusivamente, SECOND LIFE). Ma ci sono qui da noi, diversi tipi di approccio a questo strumento: ATTIVO E CREATIVO, A LIVELLO PROFESSIONALE (chi realizza film in machinima ad alto livello e per PROFESSIONE), per ora in RARISSIMI CASI (fra cui ovviamene la sottoscritta); a LIVELLO PASSIVO, DI FRUIZIONE (chi ama il machinima e fa parte dell'ormai larga schiera di spettatori di questo genere); A LIVELLO AMATORIALE (iniziano ad esserci ora, in italia, diversi casi di sperimentazione).

[IL TESTO DESCRITTIVO SEGUE DOPO IL VIDEO]

Uno dei primi Machinima realizzati in Second Life che ha avuto grande diffusione in Italia è stato il video di Irene Grandi, "BRUCI LA CITTA', uscito all'inizio del 2007, in cui le immagini girate dal vero si alternano a quelle dell'avatar della cantante, che esplora il mondo virtuale. Questo video non ha grando meriti qualitativi, si poteva fare anche di meglio 2 anni e mezzo fa... Ma ha il merito di aver fatto conoscere a molti professionisti del settore audiovisivo questo modo alternativo di comunicare con l'immagine. Ha dato il "La'" a molti creativi, come me, per ottenere nuove forme espressive, di grande validità ed efficacia. (Continua a leggere dopo il Video)

I miei primissimi esperimenti nel 2007 sono stati brevi spot, come quello dell'evento Telecom/Alice a luglio 2007; musical, cortometraggi, videoclip musicali. (continua a leggere dopo il video)


Video thumbnail. Click to play



Nell'autunno dello stesso anno Adelchi Battista (aka Adelchi Rossini in Second Life) ha presentato al Festival della Creatività il suo film "THETIDIA CONNECTION", un cortometraggio di 20 minuti, realizzato in second life e doppiato da noti professionisti italiani. Non ci vuole molto, vedendolo, per notare quanto come punto di partenza questo sia già di ottimo livello! (continua a leggere dopo il video)

Nemmeno due mesi dopo, a dicembre 2007, esce la PRIMA FICTION ITALIANA realizzata interamente in Second Life con il Machinima; si chiama "SMS, Scegli Metodi Sicuri", 20 episodi, per la regia e il montaggio della sottoscritta (Roberta Cirillo, aka Loren Merlin in Second Life). La stampa ne ha parlato molto e alcuni episodi sono stati trasmessi in TV, nei canali RAI. (continua a leggere dopo il video)


A questo sono seguiti tanti altri lavori, orientati all'informazione, l'intrattenimento, l'educazione e l'advertising. Nel 2008 ho realizzato il LUNGOMETRAGGIO (oltre un'ora di durata) in Machinima: "La storia di Paula" , presentato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri per le sue tematiche di utilità sociale. Pertanto è stato a tutti gli effetti il primo Lungometraggio Italiano (pubblicato) realizzato interamente in Second Life Machinima.



Poi io e Adelchi ci ritroviamo a lavorare nell'ambito dello stesso progetto: l'adattamento in machinima della web oera di Marco Minghetti "Le Aziende In_visibili", di cui Adelchi realizza l'episodio "TEST ATTITUDINALE" (a mio avviso spettacolare) e io "Dimissioni", nel marzo del 2009.



Ho potuto sperimentare inoltre, l'uso del Machinima come base per lo spettacolo teatrale, non solo cinematografico. Per "La Notte di Giano" di Gianluca Nicoletti, messo in scena a dicembre del 2008, è stato un elemento fondamentale, video di oltre 90 minuti, realizzato in machinima per consentire lo scambio e la comunicazione tra gli attori in carne ed ossa e quelli virtuali, proiettati in una scenografia "immersiva" basata sul trompe l'oeil.

Nel frattempo, mentre qui in Italia continuiamo con la sperimentazione, all'estero, in particolar modo ad Hollywood il machinima si è affermato come stile e come tecnica professionale a tutti gli effetti, tanto che registi Premi Oscar come Robert Zemeckis e James Cameron lo hanno utilizzatoper realizzare i loro film: Beowulf e Avatar.

Certo, le grandi produzioni Hollywoodiane, dotate di risorse economice e umane diportata enorme, e altrettante possibilità di effetti speciali, arrivano con i loro Machinima al vero stato dell'Arte, cosa che per ora in Italia è molto lontana (a meno che qualcuno dei "grandi" produttori non decida di investire un po' in questo settore).

Probabilmente ispirato dalle gesta dei due grandi registi, tale Carboni ha realizzato recentemente il film "Vola Vola", in Second Life Machinima, e lo sta spacciando (pura operazione di marketing) come il PRIMO FILM ITALIANO REALIZZATO IN SECOND LIFE, lasciando affermare dalla stampa addirittura che è LA PRIMA VOLTA CHE VIENE USATO IL METODO MACHINIMA. Propaganda o meno, non condividiamo questi metodi di auto-promozione che non si basano su verità, peraltro facilmente riscontrabile con brevi ricerche anche nel web: è pieno di articoli di testate anche importanti (come il sole 24 ore) che parlano di chi come noi, ha REALMENTE realizzato le prime opere in Machinima, da 2 anni a questa parte... E oltre agli articoli abbiamo video, puntate del TG, di Neapolis, e addirittura di SuperQuark! E' come pensare di cancellare in massa l'esistenza di tantissime persone che si sono date da fare per aprire un varco in questa nuova fase della comunicazione Multimediale.


Ma sorvoliamo ora su questo, ne riparleremo magari piu' diffusamente altrove (qui per esempio).


Qualora abbiate bisogno di approfondimenti su Studi di Produzione Professionale in Machinima potete consultare questo sito: Techniconsult Multimedia.

Alla prossima!

0 commenti: